heads-portfolio-09
Milano16
La nostra Milano

Sono stati 4 mesi molto intensi per noi. Il 5 Giugno è stata una data importante per molti nostri clienti e di conseguenza per noi.

La campagna elettorale milanese sulla scelta del sindaco si preannunciava meno combattuta di quanto in realtà è poi stata; confronti sempre molto accesi fino al tesissimo ballottaggio. Si è trattata di una “corsa” estremamente competitiva (a sinistra) tra gli eleggibili presenti nelle liste in appoggio a Sala.

immagini-milano16-10

Pierfrancesco Majorino, Diana De Marchi, Cristina Dell’Acqua, Francesco Dalfonso, Anna De Censi, Elena Tagliaferri, Lista Giuseppe Sala

2016

Web Design, Logotyper, Immagine Coordinata, Aggiornamenti, Social Network

Essere un “collettivo” – forte di alcune collaborazioni di amici, oltre che partner – ci ha permesso di seguire candidati, diversi e dalle diverse ambizioni, senza il timore di sacrificare alla quantità la qualità del nostro lavoro.

La doverosa premessa è che seguire un candidato uscente dalla bagarre delle primarie e con importanti attenzioni della stampa (e di conseguenza importanti obiettivi da raggiungere) come Pierfrancesco Majorino, o seguire un candidato in un municipio magari privo di background politico, differisce poco nel metodo. Ogni campagna elettorale è diversa da un’altra, ma il metodo con cui la si affronta e gli ostacoli che vanno superati sono spesso simili.

immagini-milano16-02

Lo studio del profilo del candidato, le sue intenzioni, i suoi messaggi chiave, i suoi punti di forza e debolezza sono alla base di qualsiasi lavoro. Prima di ragionare sul claim e colori, ragioniamo su chi abbiamo davanti.

In campagne ad alto budget ci si può aiutare con la scienza statistica ed è proprio per questo che abbiamo una partnership strategica con l’istituto Piepoli. In molte situazioni lo studio del contesto assieme al candidato è un passo fondamentale per partire bene.

Solo successivamente si lavora sul claim e sulla grafica. Siamo abituati a produrre 3 proposte, crediamo infatti che, come un vestito, il candidato debba sentirsi a proprio agio con qualcosa che lo accompagnerà per almeno 3 mesi e, indipendentemente dal peso elettorale di una scelta cromatica, tutto ciò è propedeutico ad aggiungere serenità e a perfezionare il proprio percorso.

immagini-milano16-07

La comunicazione politica spesso si nota quando è fatta male, quando non si nota, non perché sia “trasparente” ma perché sinergica alle attività del candidato, è la strada giusta.

Noi siamo pronti e il 2016 ci ha messo alla prova su tutti i fronti e su tutta la filiera del marketing politico. Dalla produzione dei diversi i lavorati da stampa tradizionali – dagli immancabili santini, manifesti, volantini… a quelli digitali (meme, contenuti social e chi più ne ha più ne metta), dal supporto video, riprese e montaggi, fino alla creazione di eventi elettorali.

immagini-milano16-05immagini-milano16-09
immagini-milano16-03immagini-milano16-01immagini-milano16-04